Desideri fare un buon trading online? Ecco a te la spiegazione delle figure da conoscere assolutamente per fare un'ottima analisi tecnica dei mercati

Tutte le informazioni sulle figure principali dell'analisi di dei mercati. Come si analizzano i grafici a candela? Cosa è il doppio massimo e il doppio minimo? Cosa sono le medie mobili semplici? Come si identifica una trendline? I video corsi, i suggerimenti, gli esempi e le immagini utili per l'analisi di trading.

Per fare un buon trading è necessario conoscere a fondo tutti gli aspetti e gli elementi tecnici che ne regolano il funzionamento.

Per sapere quale è il momento giusto per vendere o acquistare, è opportuno eseguire un'analisi tecnica; per molti, tale termine risulta sconosciuto o poco chiaro, poiché, soprattutto durante i primi approcci con il trading, si suole mirare al guadagnano facile, non tenendo conto dell'aspetto analitico.

CHE COSA È L'ANALISI TECNICA NEL TRADING?

Nel mondo del trading, l'analisi tecnica è uno degli strumenti più impiagato dagli esperti per prevedere le oscillazioni del prezzo delle valute. L'analisi tecnica si articola in differenti metodologie, quali ad esempio l'analisi Fibonacci e le onde di Elliott; queste tecniche analitiche si basano sulla teoria di DOW, secondo la quale i movimenti del mercato sono prevedibili, sulla base dello studio di schemi ben precisi.

In pratica, l'analisi tecnica si focalizza sulla lettura e lo studio degli schemi nei grafici, basandosi sull'assunto che le oscillazioni di prezzo passate si verificheranno nuovamente in futuro.

QUALI TIPI DI LETTURA UTILIZZA L'ANALISI TECNICA PER COMPRENDERE L'ANDAMENTO DEL MERCATO?

L'analisi tecnica del trading si fonda su determinati schemi, ovvero i seguenti:

  • le figure di inversione Testa & Spalle (Head & Shoulder);
  • le figure Doppio Massimo (Double Top) e Doppio Minimo;
  • gli indicatori, come le medie mobili;
  • le linee di supporto e resistenza;
  • i canali e le altre formazioni più complesse come bandiere e pennant.

Qui di seguito si desidera fornire una guida che illustri al lettore interessato tutte le metodologie di lettura dei grafici, passo dopo passo, in modo tale che egli riesca a gestire meglio le proprie quotazioni e previsioni: il trading non è un gioco, quindi è necessario innanzitutto studiare gli aspetti tecnici.

FOCUS SUL DOPPIO MASSIMO E DOPPIO MINIMO

Doppio Massimo e Doppio Minimo sono termini che indicano due modi di leggere un grafico.

Il doppio minimo assume la forma della lettera W: la valuta non avrà un valore inferiore a quello segnato al di sotto dei due punti più bassi. Una volta che il prezzo toccherà il punto più basso (il livello di supporto) esso ricomincerà a salire nuovamente.

Il doppio massimo viene anche chiamato livello di resistenza, ovvero il limite massimo, oltre il quale il valore di una valuta non dovrebbe salire. Il doppio massimo è il contrario del doppio minimo, quindi prende la forma della lettera M.

L'immagine qui di seguito consentirà di fare chiarezza in merito alla precedente descrizione.

Doppio massimo e doppio minimo.

Una volta che la linea del prezzo prende la forma di W, gli investitori sono portati ad acquistare, al contrario, nel caso in cui essa prendesse la forma di una M, i trader vendono.

FOCUS SU CANDLESTICK (CANDELE)

L'analisi delle Candlestick è molto diffusa nel mercato FOREX; con questa tecnica, gli investitori riescono ad avere una rapida panoramica dei movimenti dei mercati all'interno di un arco temporale definito, che può essere un giorno, una settimana, un mese o un anno.

L'analisi delle candele è una tecnica molto antica, risalente persino al XVII secolo, impiegata dai giapponesi durante la contrattazione sul riso. Oggigiorno, tale metodologia di lettura degli schemi viene adottata per lo studio dei movimenti dei mercati e dei prezzi, utilissima per fare trading.

Per imparare a leggere un grafico a candele, è opportuno comprenderne bene il funzionamento, soprattutto dei vari dati che lo compongono, ovvero i seguenti:

  • i valori di apertura, di massimo, di minimo;
  • i valori di chiusura;
  • il corpo della candela;
  • l'ombra.

Nell'immagine qui di seguito, tali parti si comprendono molto più facilmente.

Elementi dell'analisi delle candele.

Le linee lunghe e sottili che si trovano al margine superiore e al margine inferiore del corpo della candela si chiamano ombre (shadows). Il corpo della candela (body) consiste nella differenza tra il prezzo di apertura e quello di chiusura; in base al colore del corpo della candela si comprende se il valore del prezzo è andato al rialzo o al ribasso.

Come si vede nell'immagine precedente, i grafici a candela sono solitamente in verde e in rosso: il primo colore denota un periodo rialzista, cioè dal momento di apertura fino alla chiusura il prezzo si è alzato notevolmente, generando un grande flusso di acquisti; invece, una candela rossa indica un trend al ribasso, in pratica, il prezzo di chiusura è stato notevolmente inferiore rispetto al prezzo di apertura e in questo caso il flusso di vendite è stato molto elevato.

Solitamente, più lungo è il corpo della candela, maggiore è stato il flusso di acquisto o di vendita. In caso contrario, in presenza di una candela corta, si assiste ad un periodo di stabilità, in quanto le oscillazioni di prezzo sono state limitate.

Talvolta, il valore di apertura e di chiusura possono coincidere e quindi il corpo della candela è nullo: si parla di candela doji. In questo caso, le ombre possono avere lunghezze differenti e molte volte la candela può assomigliare ad una croce rovesciata o al segno +. Le candele doji sono neutre, nel senso che non mostrano né rialzi né ribassi.

Esempio di candela doji dopo un periodo di ribasso e prima di un rialzo.

La presenza di una candela doji di per sé non è sufficiente a preannunciare un cambiamento, esse acquistano importanza sulla base del trend precedente:

  • dopo un rialzo (lunga candela verde), in presenza di una doji si attende un indebolimento della pressione di acquisto;
  • dopo un periodo di ribasso (candela lunga rossa), in presenza di una doji si attende che la pressione di vendita inizia a diminuire.

In pratica, le candele doji indicano la domanda e l'offerta e preannunciano un cambiamento, in'inversione di rotta, rispetto al trend precedente. Le candele doji forniscono delle indicazioni significative che aiutano a comprendere l'andamento dei prezzi.

VIDEO: UN CORSO SULLE FIGURE DELL'ANALISI TECNICA DEL TRADING ONLINE

Nel video seguente si fornisce un corso sulle figure dell'analisi tecnica, le quali sono state osservate e codificate nel tempo; a seguito di attenti studi si è capito che ogni qualvolta si propongono essi forniscono dei risultati molto simili tra di loro: in questo modo, è più semplice comprendere l'andamento del mercato e agire di conseguenza.

CHE COSA SONO LE MEDIE MOBILI SEMPLICI?

Un altro strumento utilizzato dagli investitori per analizzare il mercato è la Media Mobile Semplice, anche nota con il termine Simple Moving Average.

Questa tecnica viene impiegata per appianare le fluttuazione dei prezzi a breve termine e mettere in evidenza quelli a lungo termine; lo scopo di tale analisi è quello di seguire ed evidenziare il trend in atto, dunque mostrare se il prezzo attuale sia oltre la media.

Sulla base di quello che è stato detto precedentemente in merito alla candlestick, si fornisce qui di seguito un'immagine rappresentativa di una media mobile semplice su un grafico a candele.

COME SI CALCOLA UNA MEDIA MOBILE SEMPLICE?

Per calcolare una media mobile semplice è sufficiente sommare un determinato numero di prezzi di chiusura e poi dividere la somma per il risultato precedente. Tale calcolo servirà per comprendere quando acquistare o quando vendere.

Un segnale positivo per l'acquisto si ha quando la linea del prezzo incrocia e supera la linea della media mobile. Il segnale di acquisto si genera anche quando la linea di una media mobile semplice a breve termine incrocia verso l'alto un'altra media mobile a lungo termine (Golden Cross).

L'immagine qui di seguito fornisce una chiara idea di che cosa si intende per Golden Cross.

La freccia indica una Golden Cross.

Per comprendere il momento opportuno per l'acquisto o la vendita, è possibile guardare anche la direzione della media mobile: nel caso in cui essa punta verso l'alto, allora si avrà un andamento rialzista, nel caso contrario si avrà un andamento ribassista.

È consigliabile utilizzare due o tre medie mobili semplici con diversi periodi nello stesso grafico, comprendenti un periodo che va dai venti, cinquanta e duecento giorni.

Le medie mobili non possono mai essere interpretate differentemente, in quanto la linea di prezzo si trova sempre al di sopra o al di sotto delle stesse.

COME IDENTIFICARE LE TENDENZE NEL MERCATO FOREX? TRENDLINE, LIVELLI DI SUPPORTO E DI RESISTENZA

Nel mercato Forex, l'oggetto di negoziazione sono le valute dei diversi paesi: non si è mai verificato che le economie di queste nazioni vadano progressivamente meglio oppure subiscano un peggioramento ed è proprio per tale motivazione che i trend nel mercato FOREX sono di così ampio respiro.

Per seguire le tendenze, ovvero i trend del mercato Forex è necessario tracciare una linea propriamente detta linea della tendenza (trendline); per far ciò, bisogna individuare tre punti. Nessun mercato è sempre statico: le tendenze cambiano ed indispensabile identificarle, in modo tale da elaborare la propria strategia di investimento.

Per individuare una linea di tendenza rialzista bisogna collegare con una retta due punti minimi, mentre per individuare una linea di tendenza ribassista, è necessario unire tra loro due picchi: una linea di tendenza diventa valida quando il mercato la tocca per tre volte. Quando il prezzo rompe una linea di tendenza: in quel momento si ha la fine di un trend.

Un livello di supporto rappresenta il punto più basso della giornata precedente, mentre il livello di resistenza è il punto più alto della giornata precedente (picco):

  • quando un livello di resistenza viene rotto, nel caso in cui lo strumento su cui si sta facendo trading perde nuovamente di valore, esso diviene un livello di supporto;
  • se il livello dello strumento subisce un ulteriore ribasso e rompe il livello di supporto, esso diventa il nuovo punto minimo;
  • se il livello dello strumento subisce un rialzo oltre il livello di resistenza, esso diventa il nuovo punto più alto. 

VIDEO: COME TRACCIARE UNA TRENDLINE E SUPPORTI/RESISTENZE?

Il video qui di seguito consente di fare ulteriore chiarezza su come devono essere tracciate le trendline, su come individuare i livelli di supporto e di resistenza in un grafico, in modo tale da comprendere l'andamento del mercato e effettuare operazioni di trading.

Quello che segue è un video corso tratto da una lezione/conferenza, dunque per ascoltare direttamente le parole dell'esperto, fate avanzare il video fino a 2:55.

Articolo letto 5.583 volte

Dott.ssa Sara Tomasello