Quali sono gli errori più comuni commessi dagli aspiranti trader? Perché si fallisce?

Sei un aspirante trader? Desideri imparare a guadagnare veramente con il trading online? Sai quali sono i principali errori di un trader inesperto? Ecco qui tutte le indicazioni che ti servono per evitare di commettere errori stupidi ma che potrebbero compromettere i tuoi investimenti e soprattutto il tuo capitale.

Fare trading online non significa guadagnare in maniera facile e veloce, anzi bisogna lavorare duro e impegnarsi, acquisendo pratica, esperienza, intuizione e imparando dagli sbagli e dalle testimonianze di chi ce l'ha fatta.

Molte persone si avvicinano al trading, pur essendo del tutto ignari del suo funzionamento e delle modalità di investimento. Quando ci si chiede quale è l'errore più grande che può essere commesso con l'attività di trading online, la risposta sta proprio tra le prime parole di questo paragrafo: il sapere di non sapere è la pecca più grave.

Per fare trading professionale online è bene prima conoscere i principali errori

Come per qualsiasi attività che si rispetti, è necessario che chi decida di fare trading online si documenti prima, cercando di capire il più possibile grazie alle testimonianze i coloro che "ne sanno di più": frequentare convegni, scambiarsi le idee, leggere manuali e guide professionali può essere d'aiuto.

Una volta che i consigli e i suggerimenti vengono sperimentati sul campo, dunque quando ci si avventura nel trading online, è anche possibile cadere, fallire, ma è dagli errori che bisogna ripartire: non bisogna buttarsi giù ma rialzarsi e riprovarci.

In questa sede, si desidera focalizzare l'attenzione su un quesito ricorrente tra coloro che iniziano a fare trading online, ovvero: perché gli aspiranti trader falliscono? Quali sono gli errori che commettono?

Il web è ricco di guide che forniscono consigli e indicazioni per farcela nel mondo del trading online; consigli tradizionali come acquista al superamento del massimo, vendi al superamento del minimo, acquista alla rottura della resistenza, usa le bande di bollinger, usa lo stocastico, usa i supporti e le resistenze, sono parole che forse, il lettore interessato a sentito ripetere molte volte.

L'input dal quale tradingsulweb.it desidera partire è quello di spingere i propri lettori ad acquisire le basi del trading: come per ogni altra professione, prima di avere realmente successo, bisogna impegnarsi parecchio e per molto tempo.

LA CLASSICA STORIA DI MOLTI APPRENDISTI TRADER

Molti apprendisti trader possiedono un passato e un presente molto simile. La storia è sempre la stessa: una volta provato il trading online si pensa che esso sia sempre semplice, soprattutto dopo una prima casuale e fortunata vittoria.

L'illusione di molti è quella di sapere già tutto in merito al trading online e ciò li porta a fare il passo più lungo della propria gamba, aumentando la grandezza delle posizioni sulle piattaforme. Tuttavia, l'inesperienza non sempre porta fortuna, dunque ad un certo punto arriva un'inaspettata perdita che porta inevitabilmente dimezzamento del proprio capitale.

Preso dalla paura di perdere tutto, l'aspirante trader cerca di recuperare il denaro subito, ma le cose vanno diversamente da quanto egli ha previsto: il capitale continua a diminuire fino ad azzerarsi.

Questo è uno degli scenari ai quali si assiste frequentemente, quando gli apprendisti trader, convinti di poter guadagnare un sacco di soldi, con teorie personali sulla vincita, si buttano a capofitto in grossi investimenti senza senso. 

INTRODUZIONE: OGNI LASCIATA NON È PERSA

È stato stimato che circa il 90% degli aspiranti trader fallisce nel proprio intento già entro il primo anno di attività. Non è necessario e nemmeno utile farsi scoraggiare da questi dati, piuttosto è opportuno comprendere le motivazioni di tale fallimento iniziale.

Forse il trading online è molto difficile, dunque il guadagno è di soli pochi eletti? Perché ciò accade? La risposta alla prima domanda è chiaramente NO. Tutti possiedono le potenzialità per diventare un buon trader, tuttavia è necessario che vi siano delle condizioni precise per applicare il proprio piano strategico e risultare vincenti.

Apparentemente, potenziare il proprio trading su una piattaforma è un'attività molto lucrativa: tutto ciò funge da specchietto per le allodole, soprattutto per gli aspiranti trader, i quali sono convinti che dopo un'ora di studio sul funzionamento del trading, è possibile piazzare un ordine e avere fortuna, guadagnando immediatamente. In realtà, il meccanismo non è così semplice come sembra: il guadagno non è proprio dietro l'angolo.

Come per tutte le altre professioni redditizie, è necessario fare praticantato prima di ottenere un ritorno economico corposo. Il trading è una professione come le altre, quindi la parte relativa all'esperienza non differisce: si deve fare!

Per avere dimestichezza con le piattaforme di trading, per poi prendere il via e investire con facilità, è consigliabile far pratica, usando un account demo.

Il trading online può essere svolto sia come occupazione non principale, magari per arrotondare lo stipendio (o incrementare il guadagno), oppure come vero e proprio lavoro. In ogni caso è necessario studiare e fare esperienza. Tuttavia, a differenza delle altre professioni, per diventare trader non  è necessaria una laurea o affrontare un percorso di studi impegnativo.

Per diventare degli ottimi trader NON BISOGNA AVERE FRETTA. Il mercato è pieno di nuove opportunità, dunque non è necessario buttarsi nella prima occasione, in quanto essa non è imperdibile: ce ne saranno molte altre in futuro.

Una volta aver concluso il periodo di pratica, quando si è già sicuri e pronti delle proprie azioni, allora è possibile iniziare a fare trading online con i soldi veri, iniziando ad aprire posizioni piccole.

Il vero scopo del trading online, non è quello di vincere tanto e subito, piuttosto quello di rimanere più a lungo in gioco, per acquisire sempre più pratica e conoscere attentamente come muoversi e iniziare a guadagnare realmente.

CONSIGLIO STRATEGICO SUL TRADING DEMO

Quando si crea una strategia di trading, è necessario abituarsi alle corrispondenze di causa ed effetto, ovvero è importante pensare che se questo accade, succederà che. È buona abitudine consultare i calendari economici, in modo tale da poter elaborare qualche ipotesi su come sarà l'andamento di mercati, in modo tale da poter fare sommesse e investire adeguatamente.

Una volta che l'apprendista trader ha appreso la notizia in merito all'andamento del mercato nei prossimi giorni, è necessario che egli fissi degli indicatori sul proprio conto demo e osservare il comportamento, in base alle ipotesi strategiche iniziali.

È importante tenere sempre presente che il trading demo non è sempre realistico con le tecniche reali, in quanto è privo di emozioni, ovvero, il trader non è coinvolto personalmente con l'investimento di capitale. In qualsiasi caso, una volta fatta una buona pratica con il demo, in un primo momento, si consiglia di fare trading con il bonus messo a disposizione dalla piattaforma.

QUALI SONO I TRE CONCETTI CHIAVE CHE UN ASPIRANTE TRADER DEVE CONOSCERE PRIMA DI INIZIARE?

Esistono tre concetti chiave che un aspirante trader deve tenere sempre bene in mente prima di iniziare la propria avventura. Sono concetti molto semplici e facili da comprendere per tutti: è applicarli che per qualcuno diventa difficoltoso, in quanto talvolta vengono dimenticati.

MEDODO RIGOROSO

Il trading è definito business sistematico, dunque qualsiasi tentativo intuitivo non può rivelarsi sempre fortunato; è indispensabile che l'aspirante trader definisca la propria strategia in base al proprio stile di trading, rispettando il proprio progetto, senza inventare nulla.

MONEY MANAGEMENT

Non è vero che la buona riuscita di un'azione di trading online dipende esclusivamente dalla massimizzazione del profitto. Il requisito fondamentale di un buon trader è quello di tenere il rischio sotto controllo, in pratica, il segreto per avere successo nel trading è quello di conservare il proprio capitale, qualsiasi cosa accada: solo un buon piano di money management consentirà di far maturate la strategia di trading.

MENTE FREDDA

QUANTO È IMPORTANTE LA PSICOLOGIA NEL TRADING?

Il fattore psicologico nel trading è veramente molto importante, in quanto per saper implementare i guadagni, è importante seguire con rigore la propria strategia senza avere paure o essere avidi, accettando le sconfitte e imparando da esse.

Uno dei fattori più sottovalutati del trading è proprio l'impatto psicologico. Molte volte, quando in gioco c'è un budget economico elevato, lo stress e la paura può far commettere seri danni, compromettendo lo stato di lucidità, dunque anche le azioni.

Si tende a chiudere delle posizioni in profitto, prima del dovuto, per timore che si possa perdere il capitale guadagnato; nel caso contrario quanto si tende a lasciar aperte troppo a lungo le posizioni perdenti, nella speranza di poter guadagnare, il risultato è l'opposto.

IN PRATICA, QUALI SONO GLI ERRORI PIÙ COMUNI COMMESSI DAGLI ASPIRANTI TRADER?

Gli errori più comuni commessi dagli aspiranti trader sono i seguenti:

  • acquisti a caso;
  • investimenti eccessivi in una sola volta;
  • utilizzo di strategie gratuite online;
  • ricerca d una strategia vincente al 100%;
  • nessun rispetto delle regole e completo arbitrio dell'intuizione;
  • pessimismo o ottimismo smoderati.

Andiamo con ordine.

Il futuro di un aspirante trader che decide di acquistare azioni a caso è sicuramente molto buio: questo è il modo più semplice per perdere tutto e in pochissimo tempo. Tutti sono capaci di acquistare azioni senza una precisa strategia, ma è anche vero che, in questo caso, tutti sarebbero diventati ricchissimi e in poco tempo.

Se invece l'obiettivo dell'aspirante trader è quello di realizzare il colpo della propria vita, investendo tutto il capitale in un'unica soluzione, anche in questo caso il rischio è quello di perdere tutto in poco tempo. Solo guadagnando sempre e poco si diventa esperti trader.

Come guadagnare 50€ ogni minuto? Ecco come sono riuscito a diventare ricco in un mese! Meglio dire, ecco come cascare in un tranello poco macchinoso ma molto lucrativo, di sicuro non per l'aspirante trader. Queste sono le propagande di alcune piattaforme di trading che propinano ai mal capitati strategie gratuite che chiaramente non funzionano: il loro unico obiettivo è quello di fare iscrivere l'inesperto trader e guadagnare per ogni nuovi cliente portato.

Inoltre: non esistono strategie che consentono ai trader di guadagnare la maggior parte delle volte, quindi smettete la ricerca di metodi sicuri al 100%, al 90%, all'80% ecc.

Nel trading, le regole servono per ottenere guadagni e non lasciare largo spazio all'intuizione che conduce solamente ad errori; autocontrollo: ecco ciò che serve per guadagnare nel trading.

I pessimisti sono coloro che vedono il mondo tutto nero e gli ottimisti sono coloro che vedono il mondo tutto rosa, così diceva più o meno qualcuno.

Nel caso in cui le pratiche del trading risultassero, per molti, azioni semplici, l'errore comune è quello di pensare di complicare le cose, aggiungendo indicatori, strategie e nuove tecniche. Il labirinto è così creato ed uscirne diventa molto complicato: la confusione è invece a portata di mano.

Al contrario, a coloro che pensano che il trading sia cosa difficile, bisogna confessare una cosa: i soldi facili non esistono!

UN VIDEO PER RIASSUMERE E APPROFONDIRE

Il video seguente consente di approfondire ulteriormente gli errori più comuni commessi da un trader inesperto. 

QUALI SONO LE SOLUZIONI?

Non si vorrebbe ripetere ciò che è stato detto dettagliatamente in precedenza, proprio per questo, si desidera solo riassumere alcuni dei principali consigli e inserirne altri nell'elenco qui di seguito, al fine di evitare stupidi errori:

  • essere obiettivi e disciplinati;
  • rispettare il money management;
  • evitare di operare durante la prima e l'ultima ora di contrattazioni;
  • evitare l'overtrading;
  • non farsi sopraffare da un senso di onnipotenza;
  • avere specializzazioni.

FOCUS: CHE COSA ACCADE IN CASO DI MANCATA DISCIPLINA? IL DISAGIO PSICOLOGICO

Per realizzare un trading vincente è indispensabile comprendere le ragioni delle opportunità che si presentano e applicare il metodo strategico con disciplina. Nel caso in cui questi due fattori venissero meno, ecco che un altro tende a prendere il loro posto: il disagio psicologico.

Qui di seguito, ecco un esempio concreto di disagio psicologico, derivante dalla mancanza di disciplina per chi opera nel campo del trading online. 

Un trader principiante compra un'azione a 59 € agli inizi di giugno. Poco dopo che l'ha acquistata, il suo prezzo comincia a calare di parecchio. Invece di liquidare rapidamente la posizione incassando una piccola perdita ma applicando lo stop-loss pianificato, pensa: "Non c'è problema, mi tengo l'azione finché non ritorna su". Due mesi dopo il trader ha ancora quell'azione, il cui prezzo all'inizio di settembre è sceso a 40 €, cioè del 30% da quando l'ha acquistata. Non solo l'investitore dilettante ha tenuto quell'importo impegnato per un paio di mesi, rendendolo indisponibile per altri trade, ma ha dovuto convivere per giorni e giorni con lo sgradevolissimo disagio psicologico che il suo portafoglio stava perdendo di valore, il che spesso è causa di decisioni inopportune. (Testo tratto dal documento la psicologia del trader.pdf)

Se un aspirante trader non rispetta la disciplina, vedrà la propria azione perdere, dunque sarà tentato a venderla: la conseguenza di questa azione è la perdita che non sarà per nulla facile recuperare. Tutto ciò intaccherà pesantemente l'autostima dell'inesperto trader.

Dagli errori si impara sempre, quindi è possibile che l'ipotetico aspirante trader, sbagliando una volta non cada più nello stesso vortice fallimentare.

Articolo letto 1.139 volte

Dott.ssa Sara Tomasello
  • La teoria del mercato efficiente di eugene fama

    La teoria del Mercato Efficiente, formulata nel 1965 da Eugene Fama, al fine di cercare di definire quale sia il mercato in grado di mettere gli investitori alla pari, ha avuto largo successo, ma è stata [...]

  • Rischio d'investimento di un paese: come si calcola

    Il rischio d'investimento di un paese è un coefficiente che andrebbe tenuto in stretta considerazione ove si decida di investire in azioni o obbligazioni di uno Stato estero. Per capire se il proprio investimento [...]

  • Piccola guida alle medie mobili

    Le medie mobili sono considerate molto importanti da tutti coloro che operano nel trading. Sono infatti in grado di rendere più agevole l'interpretazione di quanto sta accadendo sui mercati, a patto di di non [...]